WILPF Italia

Women's International League for Peace and Freedom Lega Internazionale Donne per la Pace e la Libertà, fondata nel 1915 contro la Prima guerra mondiale

Ginevra. Giornata storica per il disarmo nucleare

107 STATI, CONTRO 24 RACCOMANDANO ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELL’ONU UNA CONFERENZA NEL 2017 PER UN TRATTATO DI INTERDIZIONE DELLE ARMI NUCLEARI.

E’ il contributo più significativo per il disarmo nucleare in due decenni.

di Giovanna Pagani, WILPF Italia

Questo lo storico risultato della terza sessione del Gruppo di Lavoro aperto (a Stati e Società civile) sul disarmo nucleare (OEWG) svoltosi a Ginevra, palazzo dell’ONU, 16-19 agosto 2016.

Fino all’ultimo abbiamo tenuto il fiato sospeso. Già nel corso delle precedenti sessioni (febbraio e maggio) era emersa con forza la spaccatura tra gli stati: una maggioranza, in sintonia con le organizzazioni della società civile, favorevole a un Trattato di interdizione delle armi nucleari, alla luce dell’inefficacia totale del TNP (Trattato di Non Proliferazione Nucleare) e una minoranza (gli stati nucleari e gli stati ombrello, cioè quelli che hanno sul loro territorio le bombe nucleari Usa) sostenitrice di un approccio definito “progressivo” verso il disarmo nucleare.

Il Presidente dell’OEWG, al termine della prima giornata di lavoro (martedì 16), aveva invitato alla “flessibilità” per addivenire a una “soluzione consensuale”. Il rischio di un testo finale indebolito, dunque, era il nostra massima preoccupazione.

ICAN (Campagna Internazionale per il Disarmo Nucleare, di cui anche la WILPF è parte attiva) sosteneva l’impossibilità dell’ipotesi “cancellazione della richiesta per il 2017 della Conferenza per negoziare il Trattato”. Per contro non era chiaro come gli Stati avrebbero potuto addivenire a una conciliazione, partendo da posizioni così lontane. Col cuore sospeso, per il timore di un inaccettabile indebolimento del testo, è passato più di un giorno e mezzo: i negoziati sul documento finale si svolgevano in gruppi sempre più piccoli, chiusi alla società civile, continuando fino alla tarda notte di giovedì e addirittura in sostituzione della riunione plenaria, in programma per venerdì mattina.

Finalmente l’annuncio della plenaria pomeridiana, un’altra volta slittata: dalle 15 alle 16 di venerdì 19 agosto.

A consultazioni finite, la relazione finale era un po’ più debole, rispetto alle bozze precedenti, in particolare sul punto relativo al livello di supporto per i negoziati nel 2017: anziché “il sostegno della maggioranza” si trovava “ampio sostegno”. La minoranza, dunque, aveva chiesto con successo che il rapporto, di fatto, non corrispondesse alla realtà.

Per fortuna il gioco al rialzo dell’Australia (paese per il NO al Trattato) e la contro proposta del Guatemala (uno dei 107 paesi per SI’ al Trattato) votata come emendamento dalla maggioranza hanno consentito il successo della posizione maggioritaria favorevole ai negoziati nel 2017. Ecco i fatti.

All’ultimo momento la delegazione australiana ha cercato di sconvolgere il processo, chiedendo un voto su ciò che tutte le altre delegazioni credevano fosse un testo concordato. La domanda ha spinto il Guatemala a proporre una modifica: rafforzare la raccomandazione di mettere in chiaro che il OEWG inequivocabilmente ha raccomandato negoziati nel 2017 per un strumento giuridicamente vincolante per vietare le armi nucleari, che porti alla loro eliminazione. Questo emendamento è stato approvato a maggioranza, come pure la relazione finale nel suo complesso: 107 SI, contro 24 NO.

Continua a leggere…

Ginevra 19 agosto 2016 Articolo GIO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Antonia Sani (presidente)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 231 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: