WILPF Italia

Women's International League for Peace and Freedom Lega Internazionale Donne per la Pace e la Libertà, fondata nel 1915 contro la Prima guerra mondiale

MAI PIU’ HIROSHIMA, MAI PIU’ NAGASAKI!

L’anniversario di Hiroshima e Nagasaki, 70 anni dopo l’esplosione atomica, non deve essere solo un momento di raccoglimento e di commemorazione delle migliaia e migliaia di vittime giapponesi, di allora (agosto 1945) e degli anni successivi (la radioattività conseguente all’esplosione è un fenomeno che colpisce per centinaia di migliaia di anni!).

La minaccia dell’uso delle armi nucleari – circa 16.000 testate sparse nel mondo, di cui 2.000 in stato permanente di allerta – spaventosamente incombe ancora e utilizza la “copertura” del nucleare cosiddetto civile.

LA GUERRA NUCLEARE PUO’ SCOPPIARE ANCHE PER UN BANALE INCIDENTE, PER CASO, PER ERRORE.

Dobbiamo dire basta! Basta ad una tecnologia le cui applicazioni massive (eccetto quelle mediche)non siamo in grado di gestire e controllare nell’attuale stadio delle nostre conoscenze scientifiche. Soprattutto se queste applicazioni pretendono di rispondere ad un bisogno di “difesa” e di “sicurezza” che in realtà è un giocare irresponsabilmente con il diritto di sopravvivenza dell’umanità!

Occorre un DISARMO NUCLEARE TOTALE subito, ed in questo – ne siamo convinti – il mondo intero non deve essere sordo agli appelli e alle proposte degli Hibakusha (i sopravvissuti/contaminati dalle radiazioni) e dei Sindaci delle due città giapponesi martiri.

Oggi, una nuova consapevolezza sempre più ampia e profonda per la necessità di questo disarmo è manifestata dall’IMPEGNO UMANITARIOemerso dal percorso inaugurato a Oslo (febbraio 2013), quindi a Nayarit (marzo 2014), Vienna (dicembre 2014) e a New York (maggio 2015). 107 Stati, la maggioranza dei membri ONU, supportati dalla società civile internazionale, esigono che sia colmato un “vuoto giuridico”: occorre sancire il bando delle armi nucleari, come già succede per le altre armi di sterminio di massa. Altri percorsi complementari e convergenti verso il disarmo nucleare, che possiamo e dobbiamo appoggiare sono: nuove Nuclear Weapons Free Zones (es. Medio Oriente) e l’unificazione e l’estensione di quelle esistenti; negoziati ONU che – come prescrive una risoluzione del dicembre 2013 – conducano entro il 2018 ad un Trattato per l’abolizione e l’eliminazione delle armi nucleari.

Promuoviamo una cultura di pace e di non violenza, di dialogo e di rispetto delle differenze .

Affidiamoci, per la sicurezza comune, non alla forza illusoria e nociva delle armi ma alla più potente forza dei diritti umani e civili.

I MORTI DELL’OLOCAUSTO NUCLEARE SI ONORANO ABOLENDO LA “DETERRENZA” *

*deterrenza: accordo fra gli stati che possiedono armi nucleari con l’obiettivo di intimorire l’avversario. L’accordo non riguarda la loro abolizione, poiché sul loro possesso si basa la logica dell’intimidazione e della paura.

Per un mondo liberato dalla minaccia dello sterminio “atomico” invitiamo a sottoscrivere le due petizioni:

http://www.petizioni24.com/esigiamo

www.petizioni24.com/dirittoaldisarmonucleare

WILPF-Italia (www.wilpfitalia.ordpress.com) – Fermiamo chi scherza col fuoco atomico(www.osmdpn.it) –Associazione Energia Felice (www.energiafelice.it) – Armes Nucléaires STOP (http://armesnucleairesstop.org)- http://vigilancehiroshimanagasaki.over-blog.com/ – A.F.F.I. Casa Internazionale delle donne, Roma (http://www.affiassociazioni@yahoo.it) – PeaceLink (www.peacelink.it) – http://awmr-donneregionrmediterranea-italia.blogspot.com/ – ALBA (simrep@yahoo.it)

IN OCCASIONE DEL 70° ANNIVERSARIO DEL LANCIO DELLA BOMBA ATOMICA SU HIROSHIMA DOMANI ALLE ORE 9,30 IN PIAZZA DEL PANTHEON SI TERRA’ LA MANIFESTAZIONE “PER NON DIMENTICARE – HIROSHIMA 1945-2015”

MAI PIU' HIROSHIMA, MAI PIU' NAGASAKI!

Annunci

2 commenti su “MAI PIU’ HIROSHIMA, MAI PIU’ NAGASAKI!

  1. Annalisa Milani
    08/05/2015

    Da Al Mafraq-(Giordania)….legato ad Hiroshima e Nagasaki e la guerra vi invio le riflessioni che ho fatto pubblicare nei giornali diocesani triveneti e che sono nate dalla visita alle famiglie profughe siriane ad Al Mafraq nord Giordania e dopo la visita al campo Al Zaatari …mi pare importante…..queste riflessioni….annalisa

    Date: Wed, 5 Aug 2015 08:57:29 +0000 To: annalisamilani@hotmail.com

    • Wilpf Italia
      12/12/2015

      Cara Annalisa, ti prego di scusarmim ma non ho ricevuto le tue riflessioni su Al Mafraq. Forse mi sono sfuggite, potresti reinviarle. Un grande abbraccio. Milena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/05/2015 da .

Antonia Sani (presidente)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 232 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: